Tumore prostatico difficile da rilevare in soggetti obesi

bmi e suoi limiti

Fattori tecnici non correlati ai fattori biologici di base rendono il tumore prostatico più difficile da rilevare negli uomini obesi fino ai 60 anni circa. L’implicazione clinica di questo dato consiste nel fatto che alcuni tumori nei soggetti più giovani potrebbero passare inosservati, e ciò potrebbe significare che al momento del rilevamento questi tumori saranno già di alto livello, il che contribuirebbe agli esiti peggiori che si osservano negli uomini obesi. In particolare, l’obesità potrebbe essere associata ad una diminuzione della produzione di PSA ed all’aumento delle dimensioni della prostata, il che renderebbe la diagnosi difficile. E’ dunque opportuno che il medico esamini con attenzione gli uomini obesi, effettuando lo screening del tumore prostatico mediante esame rettale e test del PSA.

J Urol 2006; 175: 500-4

Bigliografia :
Fonti :

sab 25 febbraio 2006
VEDI ANCHE
Calcio nella dieta protegge da tumore prostatico
Un adeguato consumo di calcio può proteggere dal rischio del tumore prostatico
lun 14 maggio 2012
Cancro alla prostata, più invasivo negli obesi
Cellule tumorali umane esposte al siero di animali obesi sviluppano un fenotipo metastatico.
mer 16 maggio 2012
Parliamo di ...