Obesità e depressione: chi causa, chi effetto?

This meta-analysis confirms a reciprocal link between depression and obesity. Obesity was found to increase the risk of depression, most pronounced among Americans and for clinically diagnosed depression. In addition, depression was found to be predictive of developing obesity.
Le-dipendenze

Una recente meta-analisi ha dimostrato che le persone obese hanno un  aumento  del rischio di sviluppare la depressione del 55%, e chi soffre di depressione ha un aumento del rischio di diventare sovrappeso nel corso del tempo pari al 58%.

 

I ricercatori hanno analizzato studi in merito che dovevano avere un follow-up di almeno 1 anno, il peso espresso come indice di massa corporea (BMI), e dvevano specificare il modo di valutazione della depressione. L’analisi finale ha incluso 15 studi.

Per l’esame del rapporto tra sovrappeso (definito come un BMI compreso tra 25 e 29,99) o obesità (definita come un BMI di 30 o più) e la depressione, il numero totale dei soggetti è stato 55.387. Per la relazione inversa, vi erano 7.196 soggetti.

L’ odds ratio (OR) è stato 1,55 (intervallo di confidenza 95% [CI], 1,22-1,98; P <.001) per gli 8 studi che hanno esaminato l’associazione tra obesità e la depressione al basale e al follow-up.

 

L’odds ratio per gli studi americani differiva in modo significativo da quello europeo (P = .05), indicando che l’associazione depressione/obesità era più forte tra gli americani.

Il motivo non è chiaro, ma gli Americani hanno un peso più alto e questo potrebbe contribuire.

 

Per quanto riguarda la relazione inversa – la depressione provoca l’obesità – in 9 studi che hanno esaminato l’effetto della depressione sull’obesità OR è stato 1,58 (95% CI, 1,33-1,87; P <.001). L’analisi per sottogruppi non ha mostrato differenze significative.

 

Il rapporto più stretto tra la depressione e l’obesità, rispetto a quella tra la depressione e il sovrappeso, farebbe pensare ad un effetto “dose-dipendente”.

A proposito della metodologia, l’anamnesi del medico si è dimostrata più affidabile rispetto l’autocompilazione del questionario.

Questi nuovi dati suggeriscono che gli psichiatri dovrebbero controllare regolarmente il peso dei loro pazienti depressi.

 

Il guadagno di peso contribuisce alla diminuzione dell’auto-stima, un fattore di rischio per la depressione. L’associazione tra un percoso di cura biologico e una psicologico sicuramente ha efficacia sui due problemi che coinvolgono la salute pubblica.

 

Bigliografia :
Fonti :

lun 8 marzo 2010
VEDI ANCHE
Adolescenti obesi e depressi
Nell’adolescenza la prevenzione dell’obesità e i programmi di trattamento dovrebbero considerare con attenzione il ruolo delle emozioni negative.
lun 8 settembre 2014
Ansia, depressione e sistema immunitario
La depressione si accompagna spesso ad alterazioni immunitarie simili a quelle osservate in eventi maggiori, come per esempio, un lutto.
mar 25 febbraio 2014
Parliamo di ...