L’infiammazione “rompe le ossa” degli anziani

I dati del Cardiovascular Health Study
Altre analisi funzionali

Diversi studi in vitro e sugli animali hanno dimostrato che i marcatori infiammatori influenzano il rimodellamento osseo e giocano un ruolo importante nella patogenesi dell’osteoporosi.

Inoltre, alcuni studi longitudinali nell’uomo hanno dimostrato associazioni significative tra markers infiammatori elevati e un aumento del rischio di fratture non traumatiche.

Lo studio

I ricercatori hanno esaminato diversi marcatori infiammatori e i tipi multipli di frattura in un singolo studio con individui anziani seguiti con un ampio follow-up. In particolare si è analizzata l’associazione di quattro marcatori infiammatori con il rischio di fratture dell’anca tra 5.265 partecipanti del famoso studio CHS (Cardiovascular Health Study) e un endpoint composito di fratture incidenti dell’anca, del bacino, dell’omero o dell’avambraccio prossimale in 4.477 partecipanti.

Tra i partecipanti CHS seguiti tra il 1992 e il 2009, si sono verificate 480 fratture dell’anca durante un follow-up mediano di 11 anni. Negli altri 4.477 partecipanti si sono verificate 711 fratture durante un follow-up mediano di 7 anni.

Tra i markers, i livelli di IL-6 raddoppiati hanno dimostrato di essere predittori della frattura dell’anca, in modo più forte nelle donne.

L’aumento dei globuli bianchi (leucociti) si associava in modo diretto al rischio di frattura dell’anca.

Significato clinico

Dal punto di vista clinico, questi risultati suggeriscono che i processi infiammatori e immunitari cronici possono essere correlati a più alti tassi di fratture dell’anca.

Autori: Stojanović D, Bůžková P, Mukamal K, Heckbert S, Psaty B, Fink H, Cauley J, Wallace E, Curtis L, Hirsch C, Budoff M, Li D, Young R, Jalal D, Delaney J
Fonte:  J Bone Miner Res. 2017 Oct 4. doi: 10.1002/jbmr.3301
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28976598?dopt=Abstract

DS Medica mette a vostra disposizione un dispositivo per la valutazione dello stress ossidativo tramite prelievo capillare di sangue. Un piccolo laboratorio per un significativo screening del rischio cardiovascolare. Guarda il prodotto suggerito cliccando qui. Per ulteriori informazioni, cliccare qui.

Sempre in ambito diagnostico, DS Medica commercializza uno strumento a ultrasuoni per la valutazione della salute dell’osso e dell’indice di frattura. Guarda qui, si chiama MiniOmni. E’ molto semplice da usare e i risultati affidabili che fornisce permettono di modulare la terapia alimentare tenendo conto dell’effettivo rischio del paziente.
Per ulteriori informazioni, cliccare qui.

Buon lavoro!

Bigliografia :
Fonti :

mar 24 ottobre 2017
VEDI ANCHE
Anziani a tavola
Le scelte alimentari degli anziani con compromissione cognitiva non sembrano influenzate dal grado della disfunzione stessa.
lun 15 ottobre 2012
Anziani arzilli e in formissima
La sarcopenia nell’anziano si può evitare
mar 17 novembre 2015
Parliamo di ...