|

LA DIETOTERAPIA

Quanto si mangia (e, fino a un certo punto, che cosa si mangia) è un determinante principale del peso corporeo. Per questo motivo l'assunzione di cibo dovrebbe avere un ruolo centrale in tutti tentativi di controllo del peso.

La priorità nei trattamenti dell'obesità è ottenere un bilancio energetico negativo, poiché questo è l'unico modo per perdere peso e grasso corporeo. Un bilancio energetico negativo è ottenuto riducendo l'introito di energia (ossia mangiando meno), aumentando il dispendio energetico (ossia svolgendo più attività fisica), o preferibilmente entrambe le cose.

Ogni paziente deve cambiare il proprio modo di alimentarsi e i ritmi di attività per perdere peso.


I programmi che promettono risultati senza una dieta e un'attività fisica saranno sicuramente inefficaci a lunga scadenza. Questa sezione si focalizza sulla dieta, seguita da una sezione sull'attività fisica. Si crede comunemente che l'obeso mangi troppo, ma diversi studi non sono stati in grado di dimostrare questa correlazione in modo soddisfacente.

Anche se i soggetti obesi spesso sottostimano l'introito di energia e tendono a sopravvalutare l'attività fisica, non si può presumere che tutti gli individui con problemi di peso mangino di più di coloro che hanno un peso normale.

I fabbisogni d'energia variano considerevolmente tra gli individui a causa di fattori genetici, fisiologici metabolici, dello stato di salute e, naturalmente, di altri fattori quali il livello di attività fisica, l'età, il sesso, il peso e la composizione corporea. Sono disponibili strumenti di valutazione dell'introito che possono essere somministrati al paziente o utilizzati da operatori medici. Questi includono le storie dietetiche, i diari alimentari per periodi di tempo variabili, le inchieste per ricordo di 24 ore, anche ripetute, i questionari sulla frequenza di cibi e liste di controllo.

Molti di questi strumenti sono stati computerizzati per facilitarne l'impiego e per un'interpretazione più rapida.  Un regime dietetico adeguato al fabbisogno nutrizionale è essenziale per una buona salute. Oggi i consigli dietetici enfatizzano correttamente i cibi con contenuto relativamente basso di grassi, inclusi cereali, verdure, frutta, carne pollame e pesce, e, se lo si desidera prodotti caseari non grassi. La Guida Alimentare a Piramide, l'ultimo programma di orientamento dietetico suggerito dalle istituzioni statunitensi, è considerato da molti come uno degli strumenti educativi più utili per aiutare ogni paziente a rispettare le raccomandazioni dietetiche. Per ciascuno dei gruppi alimentari di base la Piramide fornisce un numero raccomandato di assunzioni. La maggior parte delle norme pubblicate sull'educazione alimentare dell'obeso (Linee Guida) consigliano a individui adulti e a bambini dall'età di 2 anni di consumare una dieta che offra non più del 25-30% delle calorie in grassi e meno del 10% in grassi saturi; alcune consigliano anche di limitare l'assunzione di colesterolo a non più di 300 mg al giorno.