Un approccio nuovo nella lotta all’obesità

Cosenza: all’ Annunziata creato un team multidisciplinare
L' OBESITÀ è una malattia che, oltre a costare quanto una finanziaria (8 miliardi di euro l' anno), riduce l' aspettativa di vita dei soggetti affetti da questa patologia. Il problema obesità in Calabria è stato, già nel 2006, oggetto di un Progetto da parte della Regione con uno stanziamento di oltre un milione di euro. I risultati statistici derivati da tale studio sono allarmanti: la percentuale di obesità registrata nella nostra Regione appare infatti in aumento rispetto alla media nazionale (34,8% vs 31,2%). Ciò che appare ancora più grave è che in Calabria esiste la più alta percentuale di obesità in età pediatrica d' Italia. In quest' ottica si inserisce l' iniziati va di un gruppo di specialisti dell' Azienda Ospedaliera "Annunziata" di Cosenza che ha attivato il Progetto denominato "Obesità, Diabete e Chirurgia", che si avvale, unico in Calabria e tra i pochi del Meridione, di un team multidisciplinare. All' iniziativa che ha ricevuto il plauso del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, va ad aggiungersi la collaborazione dell' UOC di Nefrologia, Dialisi e Trapianto, diretta dal Dott. Bonofiglio, da condursi nel Centro di ricerca Rene e Trapianto annesso alla medesima U.O. Il progetto prevede la preziosa collaborazione scientifica di Francesco Rubino, Direttore della unica Cattedra al mondo di Chirurgia Bariatrica e Metabolica del King' s College di Londra, calabrese noto alla Comunità Scientifica per essere stato il pioniere di questo tipo di chirurgia ed il primo a metterne in relazione i benefici effetti sulla cura del Diabete. Il coordinamento del Team Multidisciplinare è affidato a Ninni Urso ed è composto da C. Chiodo (Chirurgia " Falcone"), R. Talarico (Endocrinologia), G. Di Cello, L. Brunelli, A. Silvagni (Anestesia e Rianimazione), .M. Verta, R. Isabella (Gastroenterologia), E. D' Amico (Medicina "Valenti ni"), Marchese, A. Funaro (Specialisti in Psicologia dell' Asp), T. Curti (Medico nutrizionista dell' Asp). Il Centro è diventato da subito riferimento per i pazienti obesi di tutta la regione e non solo: sono circa 30 i pazienti già in carico ed altrettanti in procinto di iniziare il percorso diagnostico terapeutico.

Bigliografia :

Fonti :

gio 5 novembre 2015
VEDI ANCHE
Parliamo di …