Tumori triplo negativi: risposte differenti alla terapia neoadiuvante

I sottotipi di tumore a seno triplo negativo rispondono in modo differente alla terapia neoadiuvante.

Le caratteristiche genetiche che definiscono ciascuno di queste forme della malattia permettono infatti di stimare la risposta al trattamento con farmaco tassano e tetraciclina. Queste osservazioni potrebbero aprire la strada a trattamenti sempre più personalizzati nella cura del tumore alla mammella.

L’evidenza giunge da un recente studio condotto dai ricercatori dell’Anderson Cancer Center presso la University of Texas. L’analisi ha valutato la risposta di sette sottotipi molecolari del tumore ad una terapia standard, investigando in quale modo la natura delle alterazioni genetiche responsabili dell’insorgenza della patologia correlasse con l’esito clinico seguendo un gruppo di pazienti per un periodo di follow-up medio di 68 mesi.

L’associazione tra il make-up genetico dei tumori e la risposta clinica era sorprendentemente marcata. Questo tipo di analisi genetica risultava, inoltre, più accurata della classificazione di tipo istologico nel definire il comportamento della patologia, e quindi potrebbe asservire a utile marker prognostico, oltre ad essere un potenziale indicatore nella scelta del trattamento.

Bigliografia :

Fonti :

gio 27 giugno 2013
VEDI ANCHE
Parliamo di …