Rilievi dermoscopici nell’urticaria pigmentosa

La metodica di microscopia in vivo si rivela di grande utilità nella diagnosi differenziale delle mastocistosi maculopapulari cutanee.

La dermoscopia guadagna nuovi territori di applicazione rivelandosi uno strumento di estrema utilità nel differenziamento diagnostico delle forme di mastocistosi maculopapulari cutanee.

In particolare, una recente descrizione delle caratteristiche dermoscopiche riscontrate nell’urticaria pigmentosa, una rara malattia caratterizzata dalla proliferazione ed accumulo di mastociti in diferenti organi, potrebbe facilitare in modo estremamente significativo la diagnosi differenziale delle diverse forme cutanee della patologia.

La dermoscopia, grazie alle sue caratteristiche di non-invasività ed utilizzo in vivo, permette infatti di descrivere le anomalie morfologiche e cromatiche dell’epidermide e anche delle strutture vascolari cutanee tipicamente associate alle lesioni cutanee.

La descrizione dei pattern dermoscopici prevalentemente riscontrati nelle mastocitosi, e specialmente cui il network pigmentato dell’urticaria pigmentosa, un sottotipo delle mastocistosi maculopapulari cutanee, può favorire un rapido riconoscimento della patologia e quindi l’impiego delle terapie più adatte per bloccare la progressione della malattia.

Bigliografia :

Fonti :

ven 28 febbraio 2014
VEDI ANCHE
Parliamo di …