Prevenzione ictus e TIA

Sono urgenti misure di prevenzione primaria e secondaria centrati sui fattori di rischio per le malattie cerebro-vascolari.

Alcuni ricercatori tedeschi hanno valutato l’incidenza e la prevalenza di eventi cerebrovascolari (ictus e TIA) in un’ampia coorte di 4.467 pazienti con malattia di Fabry (età compresa tra 18 e 55 anni) allo scopo di definire la prevalenza di fattori di rischio diversi e modificabili.

Si è così dimostrato che tra i fattori di rischio più frequenti vi erano: il fumo di sigaretta (55,5%), l’inattività fisica (48,2%), ipertensione arteriosa (46,6%), dislipidemia (34,9%), e l’obesità (22,3%). 

Meno definiti vi erano anche il consumo di alcol (33,0%) e la breve durata del sonno (20,6%) che erano più frequenti negli uomini; l’emicrania era però più frequente nelle donne (26,5%) con vita sedentaria specie se di età <35 anni che mostravano obesità addominale all’età di 25 anni (74%). In linea generale si è visto che sedentarietà, ipertensione arteriosa, dislipidemia, obesità e diabete mellito aumentavano con l’età.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23150649 Stroke. 2012 Nov 13. [Epub ahead of print] Lifestyle Risk Factors for Ischemic Stroke and Transient Ischemic Attack in Young Adults in the Stroke in Young Fabry Patients Study.

Bigliografia :

Fonti :

lun 19 novembre 2012
VEDI ANCHE
Parliamo di …