Pnei, infiammazione e idratazione. 2/2

Nella stagione fredda è importante ricordarsi di bere e mantenere il giusto livello di acqua nel nostro corpo per combattere e allontanare infiammazioni e mali di stagione.
Ma se l’ideale sarebbe bere tisane di acqua calda e limone dal potere alcalinizzante e quindi naturalmente antinfiammatorio, per variare possiamo assumere due o tre tazze al giorno di tisane.

Alcuni consigli sulle tisane da preferire.

Tisana al tarassaco
Il classico fiore ‘dente di leone’ depura il fegato e aiuta la diuresi. Favorisce la digestione dei cibi, aiutando anche a tenere regolati i livelli di glucosio, colesterolo e trigliceridi nel sangue. Consumare 1-3 volte al giorno.

Tisana al rosmarino
Ha forte presenza di antiossidanti. Aiuta le vie respiratorie a trarre giovamento e contribuisce a ridurre il glucosio nel sangue e a smaltire le tossine accumulate nel fegato.

Tisana echinacea
Aiuta a rafforzare le difese immunitarie.
È bene assumerla nei cambi di stagione, soprattutto per trattare raffreddori, influenze e infezioni.
La cura preventiva prevede l’assunzione di 2-3 tazze di tisana al giorno per 3 settimane. In caso di influenza, berne almeno 3 tazze al giorno.

Tè verde biologico
Ricchissimo di antiossidanti naturali, è consigliato per il suo potere antinfiammatorio. Bere una tazza ogni mattina a digiuno.
Acqua, zenzero e limone
Buona sia calda che fredda ha il potere di unire i benefici di entrambi gli ingredienti e tenere lontani i mali di stagione.

Tisana cardo
Il cardo ottimizza le difese immunitarie.
Il cardo mariano libera da scorie e tossine il fegato affaticato e rinnova i tessuti logorati dagli eccessi delle feste. Bere una tazza di tisana dopo i pasti principali.

www.mariacorgna.it

Bigliografia :

Fonti :

mar 9 febbraio 2016
VEDI ANCHE
Parliamo di …