Papà stressati? La prole pure!

Un uomo stressato può procreare figlie e nipoti ansiose? Purtroppo sì, gli spermatozoi sembrano proprio non dimenticare nulla. Questa la conclusione di una nuova, curiosa ricerca condotta di recente negli Stati Uniti.

La prima scoperta delle modificazioni epigenetiche, ovvero di fattori ambientali che modificano l’espressione dei geni, legate ad alcune sindromi e patologie psicologiche come ansia e depressione trasmesse dai padri, si deve ai ricercatori della University of Pennsylvania (negli Stati Uniti).

In questo studio pubblicato sul Daily Mail i ricercatori della Tufts University School of Medicine hanno sottoposto giovani cavie di laboratorio di sesso maschile ad una serie di sollecitazioni. Gli stress impiegati sono stati il trasferimento improvviso in altre gabbie, l’aggiunta di oggetti estranei o di odore di animali predatori e rumori.

“Lo stress sui topolini giovani o adulti ha indotto alcune modificazioni epigenetiche nei loro spermatozoi riprogrammando l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, una regione del cervello che comanda la risposta allo stress”, spiega Tracy Bale che ha svolto lo studio.”In modo sorprendente, sia i figli maschi che le femmine dei padri stressati anche in giovane età hanno mostrato di avere una reattività anormale alle fonti di stress, troppo ridotta o esagerata, con reazioni irregolari”.

Pneisystem è un valida terapia per risolvere i problemi legati all’iperattività  dei sistemi dello stress a qualsiasi età. Come? Attraverso 4 mosse: psiche, cibo, movimento, integrazione. Psiche: miglioramento dello “stato” del paziente, approdo ad uno “stato potenziato ” attraverso un coaching  guidato dal medico che ridia entusiasmo, energia, creatività e benessere.

Nutrizione: la qualità del cibo è strettamente connesso a un corretto atteggiamento nei confronti del cibo. Ritrovare il piacere di mangiare che va inteso come una scelta e non come una necessità., in altre parole, fare del cibo come terapia.

Esercizio fisico/riassetto posturale: fare attività fisica è parte integrante della terapia Pnei. Non c’è salute senza movimento.

Iter terapeutico integrato composto da medicina convenzionale accademica, omotossicologia, terapie low dose, nutraceutica, nutra genomica ed integrazione d’avanguardia.

Per approfondimenti sulla terapia in chiave Pnei, visitare i siti www.pnei4u.com e www.mariacorgna.it

Bigliografia :

Fonti :

mar 3 febbraio 2015
VEDI ANCHE
Parliamo di …