Obesità: si comincia con l’aperitivo

In questi giorni a Milano è nato l’aperitivo contro l’obesità “Healty Hour”, promosso dall’Assessorato alla Sanità della Regione Lombardia, in collaborazione con Fipe – Confcommercio.

Lo scopo dell’iniziativa è sensibilizzare i giovani al mangiare sano, soprattutto durante il “rito dell’aperitivo”, che troppo spesso provoca un eccessivo consumo di grassi ed alcool. In Italia questo rito è in costante ascesa: ogni mese almeno una volta ben 14 milioni di persone, su un totale di circa 900 milioni di consumazioni, si dedicano all’ormai consolidato “happy hour”, un appuntamento abituale per molti, soprattutto giovani.

Al di là del piacere del convivio, si tratta di un rito nemico della corretta alimentazione che può mettere a rischio la salute proprio perché ha un apporto calorico maggiore di un pranzo completo e quindi il rischio concreto di perdere il controllo delle calorie e sbilanciare l’apporto di nutrienti necessari all’organismo.

Va ricordato che l’alcol è un concentrato di calorie (a 1 grammo corrispondono circa 7,3 Kcal), e in Italia i forti bevitori sono comunque troppi. Secondo il rapporto Istat realizzato in occasione dell’Alcohol Prevention Day la riduzione del consumo di alcolici annuo procapite da parte degli italiani non trova riscontro nei casi dei forti bevitori, cioè di coloro che bevono con una modalità dannosa per la salute.

Nel 2013, le persone di 11 anni e più con almeno un comportamento a rischio sono state 7 milioni e 144 mila, di cui 5 milioni e 490 mila uomini e 1 milione 654 mila donne. Si beve alcool soprattutto al pub (40,5%), ma anche a casa (38%), in discoteca (16,2%) e al ristorante (7,3%).

Fonti:

L’aperitivo contro l’obesità
http://www.ogginotizie.it/299554-nel-cuore-della-movida-milanese-arriva-la-039-aperitivo-contro-la-039-obesita/#.U2z_XYF_vBx
Fipe: In Italia troppi forti bevitori
http://www.fipe.it/comunicazione/le-notizie-del-giorno/2924-alcol-in-italia-troppi-forti-bevitori.html

Bigliografia :

Fonti :

mar 13 maggio 2014
VEDI ANCHE
Parliamo di …