La prima mappa della sensibilità al dolore

Possiamo distinguere spazialmente gli stimoli dolorosi (capacità detta anche acuità spaziale al dolore)

Con l’eccezione della pelle del palmo delle mani, l’acuità spaziale migliora verso il centro del corpo mentre l’acuità del tatto è migliore alle estremità del corpo.

La metodologia adottata e i risultati hanno implicazioni importanti per la valutazione del dolore acuto e cronico, indicando una strada per verificare lo stato dei fasci nervosi del dolore in tutto il corpo.

Leggi tutto l’articolo

Bigliografia :

Fonti :

mer 11 giugno 2014
VEDI ANCHE
Parliamo di …