Il quartetto del pericolo

Dieta, microbiota, obesità e NAFLD
NAFLD e sindrome metabolica si combattono con stile

La steatosi non alcolica (NAFLD) associata all’obesità è la pandemia epatica del nostro secolo.

La disbiosi favorisce l’obesità attraverso la modulazione della energia introdotta con la dieta, nonché attraverso la modulazione diretta del tessuto adiposo e del metabolismo epatico.

La disbiosi può perturbare la colina e il metabolismo degli acidi biliari, con effetti negativi sul fegato. Può intaccare la barriera intestinale, e prodotti batterici possono indurre tossicità sistemica, tra cui quella epatica, favorendo gli stati pro-infiammatori  e il danno al fegato.

Diverse prove collegano la NAFLD alla disbiosi; per esempio NAFLD è associata a proliferazione batterica dell’intestino tenue, all’aumento della permeabilità intestinale e endotossemia. Inoltre, in modelli animali di NAFLD / NASH, così come nei pazienti, la composizione del microbiota intestinale tende ad essere diversa da quella dei soggetti sani.

La flora intestinale ha enormi influenze sul metabolismo, ed è cruciale per il nostro benessere e la salute. I microrganismi precedono gli esseri umani di oltre 400 milioni di anni e la nostra flora si è evoluta con noi per aiutarci ad affrontare i microrganismi aggressori, per aiutare a massimizzare l’energia che può essere tratta da sostanze nutritive e per produrre nutrienti / vitamine essenziali che non potremmo produrre senza. Tuttavia, la nostra flora intestinale può essere disturbata,  e diventare essa stessa una fonte di stress e lesioni.

La disbiosi può influire negativamente sul metabolismo e le risposte immunitarie favorendo disturbi quali l’obesità e malattie correlate all’obesità, come l’insulino-resistenza / diabete mellito e NAFLD.

Agire sul microbiota è una delle strategie possibili: ci sono grandi aspettative sul ruolo dei probiotici / simbiotici nella modulazione della flora intestinale e sul loro possibile ruolo terapeutico.

Nonostante l’entusiasmo, gli studi disponibili sono di piccole dimensioni, eterogenei, a breve termine, e non affrontano adeguatamente istologia / rischio per la malattia epatica progressiva.

Cosa può fare la dieta?

Sia la qualità che la quantità della nostra dieta modulano fortemente la flora intestinale. Diverse diete si associano con diverse composizioni del microbiota.

Gli studi

Gli studi sugli esseri umani hanno dimostrato che i cambiamenti da dieta del microbiota intestinale si verificano subito,  in tre o quattro giorni. In uno studio clinico, una dieta formata interamente da prodotti vegetali in soli cinque giorni ha mutato la composizione della flora intestinale.

Un altro studio con una dieta di tre giorni a alto o basso contenuto calorico, quando ha indotto un aumento dell’apporto energetico, si è riscontrato un aumentato rapporto Firmicutes / bacteroidetes, correlato con una diminuzione della percentuale di perdita di energia nelle feci . Parallelamente, diete arricchite in fibre si associano con un aumento della perdita fecale di energia. Tuttavia, dopo l’arresto la dieta, il microbiota è tornato rapidamente allo stato basale.

Allo stesso modo, un intervento dietetico in soggetti obesi o in sovrappeso con una dieta ricca di proteine ​​ipocalorica per sei settimane ha aumentato la diversità delle specie nell’intestino, con diminuzione dell’adiposità. Alla fine della dieta, però, la composizione del microbiota è tornata allo stato basale. Per contro, le diete a lungo termine sono state in grado di indurre più profondi cambiamenti nella flora batterica rispetto a quelli a breve termine.

Significato clinico

Sia la composizione della dieta che la quantità di calorie ingerite influenza la flora intestinale. Questo suggerisce che è la dieta e non l’obesità il fattore critico che determina la flora intestinale.

Per approfondire, la review è disponibilie qui in full text (in inglese), molto interessante!

Bigliografia :
Fonti :

lun 11 aprile 2016
VEDI ANCHE
bambini e nafldBambini, NAFLD e disbiosi
Microbioma intestinale, metabolismo di glucosio e lipidi e il loro ruolo nello sviluppo della steatosi epatica non alcolica nei bambini.
mar 23 novembre 2021
NAFLD e sindrome metabolica si combattono con stileNAFLD e sindrome metabolica
La dieta chetogenica isocalorica modula l’attività dell'inflammasoma nei macrofagi con miglioramento dello stato metabolico e infiammatorio.
mar 31 maggio 2022
Parliamo di ...
  • disordini epato-biliari
    Disordini epato-biliari
    I disordini epato-biliari riguardano il fegato e si verificano quando i parametri strutturali e funzionali risultano alterati.