Distribuzione corporea del grasso: quale impatto sul cuore?

Il contenuto di grasso corporeo, ma soprattutto la sua distribuzione a livello corporeo influiscono sulla capacità di tollerare l’attività fisica. L’evidenza da un recente studio.

Il contenuto di grasso corporeo, ma soprattutto la sua distribuzione a livello corporeo influiscono sulla capacità di tollerare l’attività fisica. È questa l’evidenza recentemente presentata in uno studio portoghese condotto dai ricercatori del Polytechnic Institute of Santarém di Rio Maior.

Non solo la quantità di tessuto adiposo corporeo, ma in modo particolare la sede del suo accumulo, agiscono da mediatori su alcuni indicatori del controllo cardiaco autonomo come il tasso di recupero cardiaco (Heart rate recovery, HRR). Nel presente studio, la relazione tra lo stato della composizione corporea e la funzionalità cardiaca veniva analizzata in un campione di pazienti affetti da steatosi epatica non alcolica, una categoria ad elevato rischio cardiaco.

Gli autori hanno quindi osservato che sia la composizione corporea dei partecipanti che la distribuzione dei depositi adiposi correlavano con il valore dell’indice HRR misurato in seguito ad un test di esercizo fisico. In particolare, il peso, l’ammontare di tessuto adisposo accumulato nel tronco e il rapporto tra il grasso corporeo del tronco e quello appendicolare presentavano una forte relazione di tipo negativo con il valore HHR, a significare una compromissione della capacità di tollerare l’attività fisica in presenza di un eccesso di depositi adiposi corporei concentrati in queste regioni anatomiche.

Di nota, il valore del rapporto tra il grasso corporeo del tronco e quello appendicolare costituiva fattore indipendente più significativo in grado di predire il valore di HHR nei pazienti e risultava maggioremente associato al rischio cardiovascolare. Per questa ragione, questo parametro potrebbe agire da mediatore nella variazione interindividuale nel controllo cardiaco autonomo legata all’età.

Bigliografia :

Fonti :

mar 18 febbraio 2014
VEDI ANCHE
Parliamo di …