Diabete di tipo 2: più rischio con peso in eccesso

Evitare l’aumento di peso e curare l’alimentazione: così è possibile prevenire l’insorgenza del disordine metabolico.

A fare il punto della situzione della diffusione del diabete nel nostro paese è Giuseppe Fatati, presidente della Fondazione Adi, in occasione del convegno “Nutrition and metabolism”. In Italia, il diabete interessa circa il 4,9% della popolazione: 3 milioni di diabetici.

Un problema anche economico, se si pensa che la gestione di questa patologia ammonta al 9% della spesa sanitaria.

 
Il diabete di tipo 2 non insulino dipendente può essere però contrastato curando l’alimentazione e evitando la sedentarietà. Questi interventi assumono sempre più importanza a partire dall’infanzia e dall’aldolescenza, poichè proprio in questa età si registra un incremento della diffusione del disordine. Dati ben precisi dimostrano come il rischio metabolico sia estremamente diffuso già nelle fasce più giovani della popolazione: il 22,2% dei bambini italiani è in sovrappeso e il 10,6% in condizioni di obesità. Prima si ricorre a questi interventi comportamentali e più facile è scongiurare il rischio cardiovascolare in età adulta.

L’esperto in nutrizione può fare moltissimo. Clicca qui per conoscere il professionista più vicino a te.

Bigliografia :

Fonti :

lun 22 aprile 2013
VEDI ANCHE
Parliamo di …