Assistenza primaria, un grande aiuto contro il tumore al seno

Il ricorso all’assistenza medica di base garantisce una diagnosi precoce del tumore e migliora la sopravvivenza nelle pazienti anziane.

La conferma giunge da una recente indagine multicentrica coordinata da Richard Roetzheim, del Morsani College of Medicine della University of South Florida. Lo studio si è basato sull’analisi del database Surveillance Epidemiology and End Results (SEER)-Medicare ed ha valutato l’associazione tra il ricorso all’assistenza medica primaria e l’esito del carcinoma mammario in donne in post menopausa.

L’indagine retrospettiva ha analizzato i dati relativi a 105,105 pazienti beneficiarie del piano di assicurazione sanitaria di base Medicare, le quali erano state diagnosticate con una forma di carcinoma mammario tra il 1994 e il 2005. In particolare, gli autori hanno investigato con quale frequenza, durante i 24 mesi precedenti alla diagnosi del tumore, le pazienti avevano fatto visita e strutture ambulatoriali generiche o specialistiche accreditate presso il programma sanitario e se era possibile stabilire per le pazienti affette da tumore invasivo una relazione tra il numero di visite e la probabilità di diagnosi in fase avanzata e la sopravvivenza. Gli autori hanno inoltre valutato se l’inclusione dei casi di tumore non invasivo, come il carcinoma duttale in situ, alterava i risultati e anche se il ricorso all’esame mammografico costituiva un potenziale mediatore delle associazioni registrate.

Dall’analisi è emerso chiaramente che maggior era la frequenza delle visite presso ambulatori di medicina generale e migliori erano gli esiti del tumore: minore la probabilità di diagnosi in fase avanzata e inferiore mortalità per il tumore e generale. Il ricorso alla mammografia quale strategia di screening mediava in parte queste associazioni poiché consentiva una diagnosi precoce nella maggior parte dei casi.

In conclusione, il piano assistenziale di base si dimostrava efficace nel promuovere esiti migliori tra le pazienti, specialmente quando il ricorso alle visite ambulatoriali e ai servizi offerti era frequente. Queste osservazioni confermano l’utilità delle campagne di screening e l’importanza della diagnosi precoce e si traducono nella necessità di implementare l’efficacia delle strategie di prevenzione attualmente in corso.

Bigliografia :

Fonti :

mar 18 settembre 2012
VEDI ANCHE
Parliamo di …