Angiocheratoma: dermoscopia facilita differenziazione con altre lesioni pigmentate

L’angiocheratoma costituisce una rara malformazione vascolare dell’epidermide che si presenta clinicamente con una colorazione rosso cupa o blu-nero e tende a presentare diverse configurazioni.

Un recente caso studio, condotto dai ricercatori coreani della Yonsei University College of Medicine, ha riportato una descrizione dermoscopica di due casi di angiocheratoma: solitario e circoscritto. Un paziente presentava una lesione papulosa nera di 55 mm di dimensioni con un pattern dermoscoscopico caratterizzato da lacune rosse e nere e un velo biancastro coperto da scaglie. Una donna di 26 anni presentava, invece, papule multiple scure di dimensione compresa tra 2 e 10 mm con lichen zosteriforme sin dall’infanzia. Il pattern dermoscopico era qui caratterizzato da lacune intermezzate da un velo biancastro.

Come in precedenti analisi, il presente studio ha confermato le caratteristiche dermoscopiche più comuni dell’angiocheratoma: lacune rossastre e velo biancastro. L’angiocheratoma viene spesso diagnosticato come nevo melanocitico, melanoma maligno, carcinoma basale a cellule pigmentate, cheratosi seborroica, dermatofibroma e altre lesioni vascolari tra cui l’emoangioma e il granuloma piogenico. Tuttavia, questi tipi di lesioni non presentano le precedenti caratteristiche dermoscopiche.

L’esame microscopico delle lesioni può dunque facilitarne la diagnosi.

Bigliografia :

Fonti :

mar 11 dicembre 2012
VEDI ANCHE
Parliamo di …