|

Area News

martedý 30 gennaio 2018

Fattori bruciagrassi

Come vengono bruciati i macronutrienti nello sport?

I lipidi come fonte di combustibile per l'approvvigionamento di energia durante l'esercizio submassimale provengono dagli acidi grassi derivati ​​da tessuto adiposo sottocutaneo (AG), trigliceridi intramuscolari (IMTG), colesterolo e grassi alimentari.

Queste fonti di grassi contribuiscono all'ossidazione degli acidi grassi (FAox) in vari modi. La regolazione e l'utilizzo di AG si verificano principalmente a intensità di esercizio tra il 45 e il 65% del VO2max, punto in cui si ha la massima ossidazione del grasso e viene misurato in g / min. L'ossidazione degli acidi grassi si verifica anche durante l’esercizio a intensità submassimale, ma è complementare all'ossidazione dei carboidrati (CHOox).

A causa delle limitazioni nel trasporto di AG attraverso la membrana cellulare e le membrane mitocondriali, la FAox è limitata a intensità di esercizio più elevate. Il punto in cui FAox raggiunge il massimo e inizia a declinare è indicato come punto di crossover.

Le intensità di esercizio che superano il punto di crossover (~ 65% VO2max) utilizzano CHO come principale fonte di combustibile per l'approvvigionamento energetico.

È stato dimostrato che lo stato di allenamento, l'intensità dell'esercizio, la durata dell'allenamento, le differenze tra i sessi e la nutrizione influiscono sull'espressione cellulare responsabile del tasso di FAox. Ogni stimolo influenza in modo diverso il processo di FAox, determinando adattamenti specifici che influenzano le prestazioni nell’esercizio di resistenza. L'allenamento di resistenza, in particolare la lunga durata (> 2 ore) facilita gli adattamenti che alterano sia l'origine degli AG che la frequenza della FAox.

Qual’è l'influenza della nutrizione sulla FAox?

Recentemente è stato dimostrato che le diete ad alto contenuto di grassi promuovono la FAox e hanno capacità di migliorare le prestazioni. Tuttavia, conclusioni definitive sui macronutrienti sono subordinate a specifiche applicazioni  dirette dalla durata e dall'intensità dell'esercizio.

Le diete che hanno proporzioni più elevate di un macronutriente specifico (ad esempio grasso / CHO) hanno mostrato una maggiore capacità di ossidare il macronutriente primario consumato.

Le diete ad alto contenuto di grassi aumentano il potenziale di beta-ox a riposo e durante l'esercizio, tuttavia, i limiti delle diete ad alto contenuto di grassi si manifestano con esercizi ad alta intensità (> 75% VO2max) che eclissa il potenziale ossidativo e attiva una rapida glicolisi, per produrre acetil-CoA derivato da CHO per la ri-sintesi dell'ATP.

Le diete ad alto contenuto di grassi sono talvolta incoraggiate durante l'allenamento preparatorio fuori stagione quando i volumi di allenamento sono elevati e le intensità di esercizio sono da basse a moderate. Tuttavia, durante l'esercizio ad alta intensità sostenuta (> 70% VO2max), che è comune durante la competizione, il CHO è il substrato principale.
 

Autori: Purdom T, Kravitz L, Dokladny K, Mermier C.
Fonte: J Int Soc Sports Nutr. 2018 Jan 12;15:3. doi: 10.1186/s12970-018-0207-1
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5766985/
 
Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, vi propone Sport Nutrisystem® è il primo software in grado di conciliare la Scienza della Nutrizione con le esigenze della Medicina dello Sport per ogni disciplina. È uno strumento dinamico, aperto e flessibile che assicura al nutriionista dello sport rigore scientifico e la praticità necessaria per lo sviluppo di strategie dietetiche mirate.

Un protocollo diagnostico terapeutico per lo sportivo amatoriale e professionista

Ora anche in versione ondemand! Guarda qui