|

Area News

martedý 19 marzo 2019

La Mediterranea intelligente

Anche per preservare le capacitÓ cognitive

L'alta aderenza alla dieta mediterranea o ad una dieta A Priori Diet Quality Score (APDQS) è associata a migliori capacità cognitive nella mezza età, mentre l'aderenza alla dieta DASH, progettata per abbassare la pressione sanguigna, non lo è.
In un ampio studio longitudinale che ha confrontato l'effetto delle tre diete sulla cognizione, i ricercatori hanno scoperto che coloro che seguivano la dieta mediterranea (MedDiet) in modo stretto avevano meno probabilità di avere un declino cognitivo. Lo stesso era vero per quelli con alta aderenza alla dieta APDQS.
Al contrario, una buona aderenza alla dieta DASH sembrava avere un impatto relativamente piccolo sulla conservazione delle capacità cognitive.
Mentre non conosciamo ancora le combinazioni ideali di alimenti per una dieta salubre per il cervello, potrebbe essere raccomandata ai pazienti una dieta sana per il cuore, ricca di frutta, verdura, legumi e noci, moderata nei pesci, latticini a basso contenuto di grassi e alcol e bassa in carne e alimenti trasformati.
 
Le tre diete salutari si sovrappongono nelle loro raccomandazioni e condividono alcuni punti in comune.
Il MedDiet si incentra su cereali integrali, frutta, verdura, grassi sani insaturi, noci, legumi e pesce e limita la carne rossa, il pollame e il latte intero.
L'APDQS enfatizza frutta, verdura, legumi, latticini a basso contenuto di grassi, pesce e alcol moderato e limita i cibi fritti, gli snack salati, i dolci, i latticini ad alto contenuto di grassi e le bevande analcoliche zuccherate.
La dieta DASH raccomanda cereali, verdure, frutta, latticini a basso contenuto di grassi, legumi e noci e limita la carne, il pesce, il pollame, il grasso totale, i grassi saturi, i dolci e il sodio.
Non è chiaro perché la dieta DASH non abbia mostrato un legame con una migliore cognizione!
 
Una possibilità è che DASH non consideri l'assunzione moderata di alcol come parte del regime alimentare, mentre le altre due diete lo fanno.
Eppure i risultati sono coerenti: i ricercatori hanno valutato 2621 partecipanti (57% donne, 45% neri, età media al basale 25 anni) nello studio di valutazione del rischio di arterie coronariche nei giovani adulti (CARDIA).

I partecipanti hanno completato questionari sulla dieta al basale e a una età media di 32 anni e 45 anni. I ricercatori hanno quindi calcolato i punteggi medi della dieta per classificare i partecipanti in gruppi a bassa, media e alta aderenza.

Hanno anche testato due volte la funzione cognitiva, quando i partecipanti avevano circa 50 e 55 anni.

I risultati hanno mostrato un legame tra i punteggi medi di MedDiet e il declino della funzione cognitiva.

I dati sono stati aggiustati per livello di istruzione, fumo, diabete e attività fisica.

Le prestazioni cognitive sono diminuite nel gruppo con punteggio basso di 0,04 punti, mentre nel punteggio medio e superiore sono aumentate di 0,03 punti. La differenza tra i gruppi di aderenza bassa e alta era statisticamente significativa (P = .03).

Allo stesso modo, tra la coorte a dieta APDQS, la funzione cognitiva nel gruppo dei punteggi bassi è diminuita di 0,04 punti, è rimasta la stessa per il gruppo medio e aumentata di 0,06 punti nel gruppo alto (P <.01).

I rapporti di probabilità quando si confrontano terzili estremi dei punteggi di dieta sono stati 0,54 (livello di confidenza al 95% [CI], 0,39 - 0,74) per il gruppo MedDiet, 0,48 (IC 95%, 0,33 - 0,69) per il gruppo APDQS e 0,89 (95% CI, 0,68 - 1,17) per il gruppo DASH.

I DASH non erano associati al cambiamento delle prestazioni cognitive.

Anche se le diete associate a una maggiore cognizione nella mezza età hanno condiviso alcune caratteristiche, tra cui un maggiore consumo di frutta e verdura, i benefici sono probabilmente sinergici.

Non ci sono state forti associazioni tra nessuno dei singoli componenti alimentari dei modelli alimentari esaminati e le prestazioni cognitive: sembra che la combinazione di alimenti che compone la dieta generale sia più importante per la salute del cervello.

Ha senso che la dieta MedDiet e APDQS abbiano prodotto una differenza positiva. Seguire abitudini alimentari sane fa bene!

La scoperta sorprendente è che la dieta DASH non ha avuto alcuna influenza sullo stato cognitivo, anche se nata con uno scopo preciso e diverso ovvero quello di abbassare la pressione.
 

Autori: McEvoy CT, Hoang T, Sidney S, Steffen LM, Jacobs DR Jr, Shikany JM, Wilkins JT, Yaffe K
Fonte: Neurology. 2019 Mar 6. pii: 10.1212/WNL.0000000000007243. doi: 10.1212/WNL.0000000000007243. 
Link della fonte: https://n.neurology.org/content/early/2019/03/06/WNL.0000000000007243